locandina-genitorialita-A3w

Incontro

LA FAMIGLIA RICOSTITUITA

La genitorialità al tempo della famiglia allargata

con la Dott.ssa Francesca Spadaccia

SABATO 17 MAGGIO 2014

 9.30h - 11.30h

Le famiglie ricostituite o ricomposte, dette comunemente famiglie allargate, costituiscono oggi una realtà diffusa. Esse sono la prova della vitalità dell’ istituto familiare ma pongono, allo stesso tempo, problemi inediti legati alla costruzione di relazioni significative con i nuovi membri della famiglia.

Share

Leggi tutto...

locandina-Ciak-A3w  CINEMA WORKSHOP

SCRIVERE LE EMOZIONI: IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

RECITAZIONE-SCENEGGIATURA-REGIA

Un corso basilare per comprendere i fondamenti della creatività cinematografica

di Serafino Murri e Alexandra Rosati

9.INCONTRO

REGIA CINEMATOGRAFICA

SABATO 31 MAGGIO 2014 ore 15.30h


Come si inventa una storia da raccontare con le immagini?

Come si creano immagini per raccontare una storia?

Come si raccontano le emozioni recitando in un’immagine?

Scrivere una sceneggiatura, metterla in scena, riprenderla con una telecamera: dall’idea al film passando attraverso le espressioni dell’attore.

Un ciclo di lezioni per imparare a usare le immagini, il volto e il corpo umano come strumenti in grado di scrivere le emozioni, e di ricreare la nostra esperienza.

Share

Leggi tutto...

locandina-genitorialita-seminarioA4-1w

INFANZIA/ADOLESCENZA E TECNOLOGIA

GUIDA ALL’ USO CONSAPEVOLE DEI NUOVI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

con la Dott.ssa Francesca Spadaccia

SABATO 15 MARZO 2014

MERCOLEDI 26 MARZO 2014

9.30h - 11.30h

La diffusione e l’ uso dei nuovi strumenti di comunicazione come i videogiochi, social network ed internet tra bambini e adolescenti sono spesso accompagnati da abuso e disinformazione.

Share

Leggi tutto...

VIVA SFILATA DI CARNEVALE 2 MARZO 2014

 bambini-103w  bambini-111w  bambini-114w  bambini-122w

 bambini-088w

 bambini-098w 

 bambini-099w

 bambini-117w

 bambini-109w  bambini-120w   bambini-121w   bambini-122w

  bambini-113w 

  45w

 46w

 bambini-095w

Share
 locandina-carnevale-A3-1w

SFILATA CARNEVALESCA

DOMENICA 2 MARZO 2014

INCONTRO:  PZA SAN GIOVENALE ore 14.30

PARTENZA: ore 15.00

PERCORSO: Pza San Giovenale - Corso Cavour - Pza Cahen - Pza Roma
Share

Leggi tutto...

IMG 2700w1

TEATRO del CERCHIO

 Laboratori di teatro sociale e di sperimentazione

per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni

dal 19 settembre 2014

tutti i venerdi

16.30h - 18.00h

 IMG 2608w

Il teatro per raccontare qualcosa, per creare linguaggi e modi di descrivere emozioni, stati d’animo, idee.

Share

Leggi tutto...

KULT-kino-A4-1 

Tutti i film in proiezione sono in lingua originale tedesca con sottotitoli in italiano e sono in collaborazione e con il gentile sostegno del Goethe Institut Roma a sostegno della promozione e divulgazione della cultura e lingua tedesca in Italia.

GI Logo_horizontal_green_sRGBw1

 

Aprile & Maggio 2019

 

 VIVA FRAUENfilm-1

 

Diverso da chi neutrale 1w

 

09 giugno - 01 luglio 2015

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA ALL'APERTO

Diverso da chi? – Cinema e Disabilità

OPENAIR KINO FESTIVAL

Anders als wer? - Kino und Behinderung 

Tema centrale della rassegna è la disabilità nelle sue forme più diverse, dalla paraplegia alla cecità, dalla sindrome di Tourette a quella della vita delle persone vittime del Contergan.

E’ l’opportunita’ di sentire come la vita esprima se stessa nella diversita’. Dimensione che ci tocca personalmente nella relazione con l’altro. Il rifiuto di chi e’ diverso nasce dalla paura, radice di pregiudizi e portatrice di solitudine. Con questa proposta scegliamo di guardare in faccia l’essenziale: migliorare la capacita’ di sorprenderci a guardare con sguardo aperto a chi piu’ di altri porta nel mondo la differenza nel modo di esserci e di agire. Ciò che ci avvicina a tutti nella differenza è la possibilità di condividere le emozioni e il loro portato interiore.

Quattro film che dalla sorpresa ci conducono all’interesse per il sentire umano.  Quattro serate per entrare nel mondo della differenza.

L'obiettivo è quello di sensibilizzare il grande pubblico e coinvolgerlo nel dibattito sempre attuale sulle questioni della diversità e dell'integrazione nella società di oggi. Una scelta di prospettiva inusuale e politicamente scorretta che riassume lo spirito dell’intera rassegna: affrontare un tema difficile con uno sguardo nuovo e coinvolgente, fuori da ogni pregiudizio.

Apriranno le serate della rassegna gli interventi dei rappresentanti delle associazioni e delle cooperative da anni impegnati sul territorio nel settore sociale e quelli delle persone direttamente coinvolte dalla tematica, apportando così conoscenza ed esperienza.

I film in programma raccontano la vita della disabilità con approcci inconsueti e sorprendenti, non ultimi quelli della commedia o del road movie.

Vincent Will Meer (Vincent vuole raggiungere il mare) sarà il film dell'apertura della rassegna,un road-movie girato da Ralf Huettner tra il 2009 e il 2010 . Vincent ha la sindrome di Tourette, Marie soffre di anoressia e Alex ha un disturbo ossessivo-compulsivo; ospiti di una clinica, dove sono approdati loro malgrado, fuggono alla volta dell’Italia in un rocambolesco viaggio alla ricerca del mare. La pellicola italiana Rosso come il cielo sarà proiettato integrato da audio descrizione per non vedenti e sottotitoli per non udenti. Una storia realmente accaduta, un modo per il regista italiano Cristiano Bortone di mettere in luce sia le problematiche dei non vedenti, relegati in istituti differenziati, sia le capacità artistiche di un uomo che ha costruito il successo sulla diversità. Segue una commedia tragica Renn, wenn Du kannst (Corri se puoi) di Dietrich Brüggemann che racconta l’amicizia tra un ragazzo colpito da una grave paraplegia e un giovane operatore in servizio civile. I due si troveranno in concorrenza per conquistare il cuore di una giovane violoncellista. Ultimo film in programma il documentario NoBody’s Perfect, vincitore nel 2008 del German Film Award. Il regista Niko von Glasow si mette in gioco in prima persona per far luce sulla vita delle vittime di un farmarco, il Contergan, che alla fine degli anni Cinquanta causò la nascita di bambini con gravi malformazione degli arti.


 

A3 locandina Berlino 2015-2w

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA - FILMREIHE

IL CIELO SOPRA BERLINO

DER HIMMEL ÜBER BERLIN

18 Gennaio – 22 Marzo 2015

Tutte le domeniche alle 17.30h

 

Fulcro della nuova rassegna cinematografica dell’Associazione culturale italo-tedesca VIVA è la città di Berlino. Una selezione di 9 film di produzione cinematografica tedesca dagli anni 30 agli anni più recenti si propone di raccontare questa metropoli sotto vari punti di vista.

I film in programma ruoteranno attorno a questa metropoli in continuo movimento, simbolo della riunificazione delle due Germanie, divise per quasi trent’anni da un Muro che ha condizionato e lacerato rapporti umani, coscienze, vite. Quella di Berlino è una storia fatta di sogni e di rinunce, di passioni represse e di desiderio di evasione, di vite divise tra socialismo e anarchia.

Il famoso giallo di Fritz Lang, M – Il mostro di Düsseldorf (M – Eine Stadt sucht ihren Mörder, 1931) apre questa rassegna. Ricordando la giornata della memoria seguirà il film La Rosa Bianca – Sophie Scholl (Sophie Scholl – die letzten Tage) di Marc Rothemund. Berlino – Angolo Schönhauser (Berlin – Ecke Schönhauser) di Gerhard Klein dà spazio alla  città degli anni 50 con Rock’n Roll e musica nel quartiere Prenzlauer Berg  prima della caduta del muro. Il docufilm This ain’t California di Marten Persiel racconta la storia della Repubblica Democratica Tedesca (la Deutsche Demokratische Republik - DDR) negli anni 70 a bordo di uno skateboard, sia in senso spaziale che in senso politico-temporale. Nel lungometraggio Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) di Wim Wenders si vede la città poco prima della “svolta” (die Wende), soprattutto la Berlino del quartiere Potsdamer Platz. In memoria alla caduta del muro ci sarà la commedia Good Bye Lenin! di Wolfgang BeckerViene dato spazio anche al ciclo “Next Generation” con i film che fanno vedere una Berlino dalla riunificazione tedesca ad oggi: il documentario Berlin Babylon diHubert Siegert sul boom edilizio degli anni 90 e i Personaggi notturni (Nachtgestalten) del film di Andreas Dresen in ricerca di fortuna. Infine un documentario del 2010 Neukölln unlimited di  Agostino Imondi und Dietmar Ratsch che descrive il quartiere Neukölln e i suoi abitanti streetdancer stranieri alla ricerca della propria integrazione. E cosi si chiude la rassegna cinematografica con l'area della multiculturità che segna fortemente la capitale tedesca.


 locandina A3 luci lontanew

Domenica 09 Novembre 2014

25. JUBILÄUM MAUERFALL

25° ANNIVERSARIO DELLA CADUTA DEL MURO

Filmvorstellung LICHTER

Proiezione Film LUCI LONTANE

ore 17.30


25 anni dopo l’evento che ha cambiato radicalmente la fisionomia dell’Europa, congelata da una Guerra Fredda durata quasi un trentennio, l'Associazione culturale italo-tedesca VIVA torna a ricordare la Caduta del Muro di Berlino, avvenuta il 9 novembre del 1989, e le ripercussioni di questo evento storico sulla Germania e sul mondo intero.


flyerw


"Se questo rapporto Turchia - Germania vive si comprendono complessi rapporti globali, si comprende la lotta tra culture."

(Fatih Akin) 

L'Associazione culturale italo-tedesca VIVA,

in cooperazione con il Goethe Institut Roma,

presenta ad Orvieto una rassegna film

in omaggio al giovane regista turco-tedesco Fatih Akin.

KULT-kino-A4-1w1 logo-Viva-tedesco GI Logo_horizontal_green_sRGBw1

Fatih Akin, nato nel 1973 ad Amburgo e figlio di immigranti turchi, è il primo regista tedesco ad aver vinto dopo 19 anni l'Orso d'oro al festival di Berlino, con il film 'La sposa turca' (2004). Affrontando sempre il tema della difficile convivenza tra culture, Akin pone l’attenzione sulla condizione sociale degli stranieri in Germania, attraverso film che li ritraggono avendoli come protagonisti. Il regista stesso ha coniato la formula “identità in movimento”, formula che caratterizza il suo stile e che egli applica in modo pedissequo e programmatico. Lo sviluppo dei film di Akin e il suo crescente successo di pubblico rendono chiaro che i destini degli immigrati della prima fase, ma anche i vecchi e sempre continui, e i nuovi problemi che l’integrazione pone, sono in un certo qual modo diventati una parte consistente della realtà tedesca, ma anche di quella cinematografica.   

Se con il film Solino - seppur con molta originalità e idee spumeggianti - viene narrata la storia di una famiglia di emigranti italiani in modo del tutto convenzionale,  il film Gegen die Wand (letteralmente “Contro il muro”, tradotto in italiano “La sposa turca”) non è più un film di emigranti.

Dal momento in cui le nuove generazioni in Germania si sono ormai emancipate dallo status di Gastarbeiter (lavoratori ospiti) dei loro genitori, ed oggi  contribuiscono in modo significativo all'arricchimento del panorama culturale tedesco, anche “Gegen die Wand” non è più un film in cui si vedono soltanto i disagi e le fatiche degli immigrati che lavorano.

“Se questo rapporto Turchia - Germania vive”, ha detto una volta Akin in un'intervista, si comprendono complessi rapporti globali, si comprende la lotta tra culture."

Non è quindi un caso che con questo film Fatih Akin sia salito alla ribalta diventando una star internazionale della cinematografia tedesca. La società ai margini proveniente dall'estero è già arrivata da molto tempo nei centri delle città, e quindi anche al centro della cultura di un paese che come nessun altro in Europa, già solo a causa della sua posizione geografica centrale, è predisposto alla multiculturalità.

Infatti i suoi film più recenti non trattano più di minoranze - in cui alla fine tutto ruota attorno alla grande decisione tra restare nella patria di accoglienza o ritornare in quella di origine -  ma tracciano invece il nuovo volto delle metropoli tedesche del ventunesimo secolo, profondamente trasformate dalla presenza degli emigranti. 

Mostrare all'estero questa Germania culturalmente capace di cambiare è uno dei principali meriti di Akin per il cinema tedesco. 


KULT-kino-A4-1w

Valentinstag

Filmvorstellung in Originalversion mit italienischen Untertiteln

Freitag 14. Februar

um 20.00 Uhr

Giorno di San Valentino

Proiezione Film in versione originale con sottotitoli in italiano

Venerdi 14 febbraio 2014

  • Modifica

 

 

 

 

  

mahler-auf-couchw1

MAHLER AUF DER COUCH

Deutschland 2010

Regie: Percy Adlon, Felix Adlon


MAHLER SUL LETTINO 

Germania 2010

Regia: Percy Adlon, Felix Adlon

Un famoso compositore sul divano di Sigmund Freud!

Ironica commedia sul grande compositore.

MAHLER AUF DER COUCH

Regie: Percy Adlon, Felix Adlon
Deutschland 2010, 105 Min.
Mit: Johannes Silberschneider, Barbara Romaner, Karl Markovics, Eva Mattes, Lena Stolze, Friedrich Mücke

Im Sommer 1910: Gustav Mahler reist nach Holland, um Sigmund Freud zu konsultieren:
Seine Frau Alma hat eine Affäre mit dem jungen Architekten Walter Gropius.
Der gefeierte Komponist weiß nicht mehr weiter.
Der Psychoanalytiker muss ihm helfen – und zwingt Mahler zu einigen schmerzhaften Einsichten.

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=jdR7e106s88
 

MAHLER SUL DIVANO

Regia: Percy Adlon, Felix Adlon
Germania 2010, 105 min.
con Johannes Silberschneider, Barbara Romaner, Karl Markovics, Eva Mattes, Lena Stolze, Friedrich Mücke

Estate del 1910, Gustav Mahler si reca in Olanda per consultare Sigmund Freud: sua moglie Alma ha una relazione con il giovane architetto Walter Gropius.

Il celebre compositore non sa più cosa fare.

Lo psicoanalista lo deve aiutare – e costringe Mahler ad alcune dolorose constatazioni.

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=jdR7e106s88


GIORNO DELLA MEMORIA - 27 gennaio 1945

La liberazione del campo di concentramento di Auschwitz

PER NON DIMENTICARE MAI...

AM ENDE KOMMEN TOURISTEN - ALLA FINE ARRIVANO I TURISTI

 Ausschwitz

Proiezione film in versione originale

con sottititoli in italiano - aperitivo prima del film

AM ENDE KOMMEN TOURISTEN

ALLA FINE ARRIVANO I TURISTI

Domenica 26 gennaio 2014

ore 18.30


 

AM ENDE KOMMEN TOURISTEN

Deutschland, 2007

85 min

Regie: Robert Thalheim

Schauspieler: Alexander Fehling, Ryszard Ronczewski, Barbara Wysocka, Piotr Rogucki, Lutz Blochberger, Lena Stolze

Am Ende kommen Touristen ist ein deutscher Spielfilm aus dem Jahr 2007. Der Regisseur Robert Thalheim verarbeitet darin eigene Erfahrungen als Zivildienstleistender in den 1990er Jahren, als er seinen Friedensdienst in der Pädagogischen Abteilung der Internationalen Jugendbegegnungsstätte in Auschwitz ableistete.

Ursprünglich wollte der 19-jährige Sven seinen Zivildienst in Amsterdam leisten, aber die einzige freie Stelle findet er im polnischen Oswiecim, das unter dem Namen Auschwitz als größtes Vernichtungslager des Holocaust bekannt wurde. Hier soll Sven an der Gedenkstätte arbeiten und die Pflege des KZ-Überlebenden Stanislaw Krzeminski übernehmen. Dabei begegnet er einem fanatischen Deutschenhass bei seinem Patienten und hat neben der fremden Sprache mit Vorurteilen, Fettnäpfchen und Tabus zu kämpfen. Als er sich in die polnische Dolmetscherin Ania verliebt, erschließen sich ihm neue Perspektiven in dieser schwierigen Umgebung.

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=BfiKvnxAVDg


ALLA FINE ARRIVANO I TURISTI

Germania,2007

85min

Regia: Robert Thalheim

Con: Alexander Fehling, Ryszard Ronczewski, Barbara Wysocka, Piotr Rogucki, Lutz Blochberger, Lena Stolze

La storia di un'amicizia tra uno studente universitario che presta servizio civile ad Auschwitz e un anziano sopravvissuto al lager. Il giovane berlinese Sven viene destinato a prestare servizio civile a Owiecim, nome polacco di Auschwitz, per assistere Stanislaw Krzeminski, un anziano sopravvissuto polacco al campo di sterminio che si occupa di riparare le valigie lasciate dalle vittime dell'Olocausto ad Auschwitz. Qui si confronta con il passato di questo luogo carico di dolorosa memoria, ma impara anche a conoscerne l'attuale quotidianità, nonché la vita e i desideri dei suoi coetanei polacchi, che si rivelano molto simili ai propri.

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=BfiKvnxAVDg


In memoria alla caduta del muro di Berlino VIVA Cultura presenta...

7 Novembre 2013 alle ore 21h - aperitivo prima del film

Berlino est anni'70: Uno sguardo a ritroso verso la ex DDR, sicuramente non piagnone ma profondamente sentimentale. Si parla di giovani, di canzoni e balli vietati e del grande amore che trasforma tutto.

Sonnenallee

C'era una volta all Est...

SONNENALLEE

Il Viale del Sole

(Germania 1999)

in lingua originale tedesca con sottotitoli in italiano

in deutscher Originalsprache

SONNENALLEE – ESSERE GIOVANI E FELICI ALL’OMBRA DEL MURO

Germania 1999, 94 min

Regia: Leander Haussmann

Trama: La Sonnenallee era un viale di Berlino Est, direttamente sull’altro lato del Muro, con visuale libera da Berlino Ovest. Ciò naturalmente influiva sulla vita di tutti i giorni, perché solo pochissimi “Ossis” (come venivano colloquialmente definiti i tedeschi dell’Est) avevano un contatto così ravvicinato con l’occidente libero.

Nel suo debutto cinematografico l'ex regista teatrale Leander Haussmann ha cercato di catturare la gioia di vivere nella Berlino Est degli anni '70.

La Sonnenallee è una via di Berlino (nel quartiere di Neukölln), che dal 1961 all’89 era divisa in parti disuguali dal passaggio del Muro; la sua estremità più breve era territorio della Repubblica Democratica Tedesca, ed è proprio a ridosso della frontiera che vivono i protagonisti del film, un gruppo di ragazzi dell’ultimo anno delle superiori.

La vita nella Repubblica Democratica Tedesca è raccontata in modo ironico, irriverente e a volte esagerato. Il che, se da un lato attrae le critiche di chi vorrebbe il cinema solo come medium documentaristico, permette dall’altro a qualunque pubblico di comprendere e godere della descrizione scanzonata delle avventure di “Micha” e dei suoi amici a ridosso della “Barriera di protezione antifascista”.

Ognuno dei personaggio ci dà un punto di vista diverso sull’adolescenza nella DDR e sulle sue infinite frustrazioni: la musica è proibita, l’unico modo di ricevere un’istruzione è arruolarsi nell’esercito per tre anni, la libertà di espressione e di curiosità intellettuale sono limitate e l’istituzione invade irritantemente la vita privata del cittadino.

Ma si trova lo stesso un modo per divertirsi, ché, come dice Micha “c’era una volta un Paese, dove io ho vissuto. Quando mi chiedono com’era posso solo dire: è stato il momento più bello della mia vita. Ero giovane, e innamorato”.

trailer: http://www.youtube.com/watch?v=Js9DphJ8JXU


SONNENALLEE – JUNG UND GLUECKLICH IM SCHATTEN DER MAUER

Deutschland 1999, 94 min

Regie: Leander Haussmann

Der Film erzählt von jungen Leute damals wie heute, hier wie dort. Es geht um verbotene Songs und Tänze und um die große Liebe, die die Welt verändert.

Sonnenallee ist eine deutsche Filmkomödievon Leander Haußmann aus dem Jahr 1999. Sie thematisiert das Leben Ost-BerlinerJugendlicher im Angesicht der Berliner Mauerin der DDR der 1970er Jahre. Der Titel des Films bezieht sich auf die gleichnamige Straße in Berlin. Am südlichen Ende der Sonnenallee befand sich während der deutschen Teilung ein Grenzübergangzwischen West- und Ost-Berlin.
 
In deutscher Originalsprache mit italienischem Untertitel

 
 

SONNENALLEE – YOUNG AND HAPPY LIVING IN THE SHADOW OF THE WALL

Germany 1999, 94 min

Director: Leander Haussmann


Sonnenallee tells the story of young people, banned songs and dances, and a great love which changes everything.

Sonnenallee (Sun Avenue ) is a1999 comedy film about life in East Berlin in the late 1970s. The movie was directed byLeander Haußmann. The movie emphasize the importance of pop-art and in particular, pop music, for the youth of East Berlin. The Sonnenallee is an actual street in Berlin that was intersected by the border between East and West during the time of the Berlin Wall.

In german with italian subtitles

trailer: http://www.youtube.com/watch?v=Js9DphJ8JXU


LOLA RENNT - LOLA CORRE

Germania 1998

In tedesco con sotto-titoli in italiano

lola-corre

Regia: Tom Tykwer

Con: Franka Potente, Moritz Bleibtreu

Giovedi 12 settembre 2013 alle 21h - aperitivo seguito al film

Lola deve trovare 100,000 marchi tedeschi per salvare la vita a suo fidanzato. Però ha solo venti minuti per farlo. Vincitore di diversi premi internazionali, questo film destreggia abilmente gli elementi e gli incontri di uno semplice scenario thriller, utilizzando punti di vista multiple ed un effetto domino per creare diversi destini. Ogni battito dei 81 minuti di “Lola Corre” pulsa con energia ed adrenalina.

Die Geschichte spielt in Berlin und beginnt mit Lolas Freund Manni, der als Kurier für einen Hehler arbeitet und sie aus einer Telefonzelle anruft. Er hat versehentlich eine Stofftüte mit 100.000Mark in der U-Bahn liegen gelassen, auch aus der Verwirrung heraus, warum Lola ihn nicht wie abgesprochen abgeholt hat (ihr Mofa wurde gestohlen als sie Zigaretten holen gegangen ist). Er sieht nur noch wie ein Obdachloser das Geld findet. Nun bleiben Manni noch 20 Minuten, bis sein Auftraggeber kommt, um das Geld abzuholen. Das sind auch 20 Minuten für Lola, um ihrem Freund aus der Patsche zu helfen.

Lola has to get hold of 100,000 German marks in order to save her boyfriend’s life. But she has just twenty minutes to do it in. This multi-awardwinning crime film cleverly juggles the elements and encounters of a simple thriller scenario by using muliple viewpoints and a domino effect to create different destinies. Every tick of the 81 minutes in “Run Lola, Run” pulsates with kinetic energy and double-espresso adrenaline. 

trailer: http://www.youtube.com/watch?v=LbYk77LjDtQ

 

 

 

Share

 KULT-kino-A4-1w

GIORNO DELLA MEMORIA - 27 gennaio 1945

La liberazione del campo di concentramento di Auschwitz

PER NON DIMENTICARE MAI...

invitiamo alla proiezione del film AM ENDE KOMMEN TOURISTEN - ALLA FINE ARRIVANO I TURISTI

Share

Leggi tutto...

locandina-genitorialita-A3w 

VIVA GENITORIALITA'

Sabato 18 gennaio 2014

ore 10.00

Presentazione dei nuovo progetti

Le nostre proposte sono tutte finalizzate a riconoscere una grande potenza
nell'azione genitoriale; 
desideriamo aprire ogni possibilità di incontro e scambio
per accendere il potenziale educativo 
che il contesto familiare può esprimere.

 INGRESSO GRATUITO


Essere genitori, infatti, significa avere la possibilità di aiutare la crescita della persona umana,
nel senso di favorire il compiersi della sua realizzazione, favorendone il benessere.


Per questo non mancheranno nelle nostre proposte alcuni elementi dell'esistenza che crediamo
profondamente capaci di migliorare la vita di tutta la famiglia:

la leggerezza d'animo, da non confondere con la superficialità; 

il rispetto delle differenze, da non confondere con l'incapacità di assumere la guida;

l'entusiasmo di creare insieme, toccare e dare forma concreta a ciò che viviamo
per vedere meglio "il bello" che ci è capitato di incontrare.

 

Buona genitorialità a tutti!

Share

Leggi tutto...